20 Maggio senza muri, un impegno che continuerà

20 Maggio senza muri, un impegno che continuerà

Aderiamo alla manifestazione 20 Maggio senza muri e accoglie l’invito degli organizzatori a sfilare senza bandiere riconducibili a partiti o movimenti politici. Pensiamo però che la politica non possa e non debba fare un passo indietro, come se fosse cosa altra dalla cittadinanza e dall’associazionismo.

La battaglia per i diritti, per l’accoglienza e per l’inclusione non può che essere una battaglia trasversale, che deve essere di tutti e coinvolgere ogni cittadino. Senza distinzione proprio per dimostrare che non sono valori minori o minoritari.
Senza distinzione ma con qualche distinguo, pur senza bandiere, SinistraxMilano sarà presente con la propria proposta e convinzione politica, quella per cui non basti dire no alla Bossi-Fini ma serva, in modo altrettanto se non ancora più forte, dire no al Decreto Orlando Minniti e al suo portato, simbolico oltre che molto reale, che distingue tra cittadini ed esseri umani di serie A e serie B.

Pensiamo che spetti alla politica rispondere al malessere della società facendosi carico di un dato di realtà e di modificarlo promuovendo azioni – politiche, sociali e culturali – finalizzate all’inclusione, all’accoglienza diffusa, al miglioramento della percezione della sicurezza e al contrasto di populismi e razzismi sempre più diffusi.

Pensiamo che spetti alla politica di sinistra agire per contrastare quel pensiero xenofobo che sottende al concetto che uno stupro è più grave e violento se compiuto da un uomo di un altro colore o che mette sotto accusa le ONG per un puro fine speculativo.

Il nostro impegno politico, nato prima di maggio e che non si esaurirà con il 20, portato avanti ogni giorno con iniziative, dibattiti e confronti, si concretizza anche nell’adesione alla proposta di legge popolare Ero straniero – L’umanità che fa bene, con l’obiettivo di sostenere e dare spazio e visibilità a una campagna che vuole vincere la sfida dell’immigrazione puntando su accoglienza, lavoro e inclusione e al definitivo superamento della Bossi-Fini.

 

Ti potrebbero interessare