AREA B. IN SEI MESI DIMINUITO DEL 13% IL TRANSITO DELLE AUTO INQUINANTI

AREA B. IN SEI MESI DIMINUITO DEL 13% IL TRANSITO DELLE AUTO INQUINANTI

Dal monitoraggio effettuato nei primi sei mesi di attivazione di Area B (aprile-settembre), sui 15 controllati da telecamere rispetto ai 186 varchi di accesso previsti complessivamente a Milano, si rileva una diminuzione di passaggi in ingresso in città di circa il 13%, che si traduce in circa 12mila transiti veicolari in meno ogni giorno (durante l’ultima settimana di gennaio 2019, utilizzata come campione, erano circa 89mila transiti al giorno).
Le rilevazioni (mai effettuate per un periodo continuativo di tale durata) hanno consentito di verificare che la ‘punta’ mattutina nei giorni feriali è stata tra le 7.30 e le 9, con una media complessiva, nelle 15 strade, di 4.500 transiti ogni 30 minuti (ovvero 150 veicoli al minuto). La punta pomeridiana feriale è stata tra le 17 e le 19 con una media di 4.000 transiti ogni 30 minuti (133 veicoli al minuto).
Negli stessi orari, il traffico si riduce a 1/3 il sabato mattina ed è pari a 2/3 il sabato e la domenica pomeriggio.
Quasi nessuna variazione tra i giorni feriale e festivi per le fasce orarie non di punta, in particolare tra le 10.30 e le 13 e dopo le ore 21.
I transiti effettuati in probabile sanzione sono stati circa 2.800, dei quali il 40% nel mese di settembre (precedentemente i veicoli hanno beneficiato dei 50 ingressi liberi); le prime sanzioni per i divieti ambientali si riferiscono a ingressi avvenuti nella seconda parte dello scorso giugno; i transiti complessivi effettuati dai veicoli in contrasto con le norme di area B (derogati più sanzioni) costituiscono circa l’1,2% del totale dei transiti.
La sperimentazione della “scatola nera” per gli ambulanti che permette di circolare in città con mezzi diesel euro 3 per un numero limitato di chilometri è utilizzata oggi da 266 ambulanti. Di questi l’89% ha percorso mediamente a Milano fino a 6 km medi giornalieri negli orari di Area B. Al 30 settembre solo 28 ambulanti, il 10% degli aderenti alla sperimentazione, hanno utilizzato tutti i chilometri disponibili e sono stati rilevati i primi 4 passaggi passibili di sanzione.

Ti potrebbero interessare