Buchi, pericoli… investiamo di più

Buchi, pericoli… investiamo di più

Buchi pericolosi nell’asfalto, masselli del pavè sconnessi e sbilenchi: le trappole per chi si muove su due ruote sono centinaia, il Codacons ne ha elencate in un dettagliato dossier decine e decine.
Dal canto suo il Comune fa ormai piu di 3000 interventi al mese per ripristinare il manto stradale ma i punti pericolosi – complici gli sbalzi di temperatura – continuano a formarsi. Serve allora un coraggioso cambio di prospettiva.
In nome della mobilità dolce, del turismo, della qualità della vita per i cittadini, altro che Navigli scoperchiati: occorre investire decisamente e molto più di adesso, oltre che nel trasporto pubblico, in piste ciclabili e in percorsi protetti dalle auto.

Elisabetta Andreis

Ti potrebbero interessare