Che destino per Piazza d’Armi?

Che destino per Piazza d’Armi?

Il tema è stato molto discusso tra i cittadini negli ultimi mesi, ma a questo fervore ha fatto eco l’assordante silenzio del Municipio 7 di Milano. Il centrodestra ci aveva stupito in positivo istituendo sia la commissione Piazza d’Armi che l’innovativa commissione “Riqualificazione aree dismesse”, ma i risultati sono stati tragici. Le commissioni hanno lavorato poco e male, rivelando anche un forte dissidio politico tra il presidente della commissione piazza d” armi (nonché vicepresidente del consiglio) e la giunta. Questo immobilismo ha fatto sì che il municipio rimanesse a fare da spettatore nelle cruciali fasi degli ultimi mesi, come ad esempio l’uscita di scena dell’Inter, con la sua ipotesi di riqualificazione dell’area. Nell’ultima seduta di luglio ho rilanciato il tema, presentando (con il collega Sciurba) un ordine del giorno che chiedeva una cosa semplice: siccome l’area è del Demanio e nel frattempo si è insediato un nuovo governo nazionale, non è il caso di chiedere al ministro competente se confermi l’intenzione di alienare l’area o se invece voglia cambiare strada, visto anche che tra chi protesta in zona c’è il m5s? La maggioranza, che vive di un delicatissimo equilibrio tra forza Italia e lega, lo ha bocciato, ma giusto il giorno dopo l’assessore Pierfrancesco Maran (col quale abbiamo lavorato parallelamente) ha annunciato una svolta, con la proposta di lasciare Piazza d’Armi a verde e spostare tutte le volumetrie edificatorie sugli ex magazzini militari. Un’ottima soluzione, a mio avviso.L’incontro tra Assessorato, Municipio 7, la proprietà Invimit e le associazioni di territorio è previsto per fine mese.

Lorenzo Zacchetti Consigliere PD Municipio 7

Ti potrebbero interessare