CHIEDIAMO SCUSA A GIUSEPPE PINELLI

CHIEDIAMO SCUSA A GIUSEPPE PINELLI

Oggi con la piantumazione di un albero davanti alla casa in cui viveva, il sindaco di Milano, Beppe Sala, ha chiesto “scusa e perdono” da parte di tutta la città alla famiglia di Giuseppe Pinelli, il ferroviere anarchico coinvolto ingiustamente nelle indagini sulla strage di piazza Fontana e “volato” dalla finestra dell’allora questura di Milano in Piazza Beccaria mentre era in stato di fermo per essere interrogato sulla strage di Piazza Fontana con cui nulla aveva a che fare. Con il sindaco c’erano le due figlie di Pinelli, Claudia e Silvia, che sabato 14 hanno promosso dalle ore 14, una catena umana sonora (aperta a tutti e tutte) da Piazza Fontana, per poi passare da Piazza Beccaria, Galleria del Corso, Corso Vittorio Emanuele, Via San Pietro all’Orto, Via Bigli, Via Manzoni e Piazza Cavour, per ricordare ancora una volta che Pinelli è stato assassinato, innocente, 18esima vittima della strage.

Ti potrebbero interessare