COSA DICE IL DECRETO SICUREZZA

COSA DICE IL DECRETO SICUREZZA

‘All’articolo 1 il decreto stabilisce che il ministro dell’Interno, e non quello delle Infrastrutture, possa «limitare o vietare l’ingresso, il transito o la sosta di navi nel mare territoriale» per ragioni di ordine e sicurezza. In caso di violazione da parte del comandante di una nave dei divieti e delle limitazioni disposte dal ministro dell’Interno, all’articolo 1 si prevede una sanzione amministrativa che va da 150 mila a 1 milione di euro. Come sanzione aggiuntiva è stabilita anche la confisca della nave, preceduta dal sequestro immediato. Coloro che contravvengono ai divieti previsti al punto 1 e che vengono colti in flagranza di un delitto di resistenza o violenza contro nave da guerra, dice il decreto, devono essere immediatamente arrestati. In sostanza, quindi, il solo ministro dell’Interno può decidere di vietare l’ingresso – ma anche solo il transito e la sosta – a qualsiasi nave, adducendo ragioni di ordine e sicurezza’
A cosa siamo arrivati. E i 5s, dietro, senza vergogna.
(e non so se mi faccia più ribrezzo che, nel farlo, il suddetto ministro invochi la madonna, o che due giorni prima cantasse l’inno d’Italia ballando sguaiato e bevendo cocktail sulla spiaggia).

Antonella Bruzzese

L’ARTICOLO RIASSUNTIVO SU TUTTO IL PROVVEDIMENTO E L’INASPRIMENTO DELLE PENE DI PIAZZA

lo trovate qui

Ti potrebbero interessare