COVID, GAIA E BOB DYLAN

COVID, GAIA E BOB DYLAN

Cinquanta anni di ambientalisamo dal primo Giorno per la Terra.

Quale futuro davanti a noi?

La risposta di Fritjof Capra, fisico austriaco e uno dei guru del movimento, intervistato da l’Extraterrestre de il manifesto

“I principali problemi del nostro tempo sono tutti interconnessi e interdipendenti, sono problemi sistemici che richiedono soluzioni sistemiche. Questa consapevolezza è ancora poco sviluppata nell’economia e nella stessa accademia, ancora meno lo è in politica”. Eppure viviamo da molti anni in quelloche viene definita una lobalizzazione. Ma “per i giovani di oggi che sono cresciuti con i social network, il pensiero in termini di reti – in altre parole, il pensiero sistemico – è diventato una seconda natura”.

“Con COVID-19, Gaia – il nostro pianeta vivente – ci ha mandato un segnale di allarme. Abbiamo tutte le conoscenze e le tecnologie per raccoglierlo e creare un futuro sano e sostenibile. Ne avremo anche la volontà? Per citare Bob Dylan, la risposta amico mio sta soffiando nel vento”

Ecco il link: https://ilmanifesto.it/earth-day-70-cosi-nacque-lecologia/

Ti potrebbero interessare