Cultura e inclusione sociale

Cultura e inclusione sociale

Nella scorsa settimana Milano ha ospitato, per la prima volta nella storia, il Forum Europeo della Cultura, dove è stato lanciato per il 2018 l’Anno Europeo del Patrimonio Culturale.
Lo svolgimento del Forum nella nostra città è un’ulteriore conferma della reputazione che Milano oggi conosce come capitale culturale internazionale: nella primavera 2017 il Cultural and Creative Cities Monitor, confrontando i dati di 168 città europee selazionate in base al loro impegno nella promozione della cultura e della creatività ha posto Milano sul podio delle città più meritevoli, insieme a Parigi, Monaco e Praga.
Pochi mesi dopo Milano è stata invitata a diventare membro permanente del World Cities Culture Forum, che raduna le 50 città più influenti al mondo dal punto di vista culturale.
Negli stessi giorni l’UNESCO ha riconosciuto a Milano lo status di città creativa per la Letteratura.

Nel mio intervento al Forum Europeo ho sottolineato come il tema della reputazione internazionale di Milano risulti tuttavia secondario rispetto all’importanza della cultura come strumento di inclusione sociale: è solo grazie all’incremento complessivo ed equilibrato del patrimonio cognitivo dell’intera comunità cittadina che la città stessa può diventare terreno fertile per lo sviluppo sociale ed economico.
La cultura è oggi lo strumento più efficace per abbattere muri e steccati, promuovere coesione sociale, creare forme innovative di imprenditorialità, attivare nuovi modelli di responsabilità sociale.

Ritengo che all’Amministrazione Comunale spetti oggi la responsabilità di interpretare essenzialmente un nuovo ruolo, ossia quello di facilitatore: facilitare la produzione di offerta culturale,
facilitare l’accesso all’offerta stessa soprattutto per coloro che ne sono stati sempre tradizionalmente esclusi, facilitare i procedimenti attraverso i quali anche i soggetti di maggiore fragilità organizzativa possano attivare proposte culturali con funzioni attive di aggregazione positiva sull’intero territorio urbano.

 

Filippo Del Corno – Assessore alla Cultura

Ti potrebbero interessare