Diciamo no alla retata spettacolo il Pd rispetti il programma di giunta

Diciamo no alla retata spettacolo il Pd rispetti il programma di giunta

Mirkoico Mazzali, consigliere comunale di Sel durante la giunta Pisapia e oggi delegato del sindaco per le periferie con Sinistra x Milano, fa parte di quella fetta di sinistra milanese a cui il blitz in stazione Centrale non è piaciuto. Un’operazione sbagliata?
«Il controllo del territorio è giusto, io dico no però alla spettacolarizzazione, soprattutto a fronte di risultati limitati come quelli di martedì. Preferisco, piuttosto, una trentina di interventi per il monitoraggio delle diverse zone della città. L’impressione che si rischia di dare, altrimenti, è che Milano sia una realtà pericolosa».

Qualcuno però a sinistra, nel Pd in particolare, ha plaudito all’intervento…
«Spero si tratti di qualche uscita estemporanea e che la linea del Pd in tema di sicurezza non sia cambiata rispetto a quanto si è definito nel programma di governo della citta».

Cioè?
«La questione deve essere affrontata in sinergia con l’inclusione sociale. Nel programma per Milano non c’era certo scritto che avremmo messo in campo le retate».

C’ è chi immagina che sul blitz ci sia la paternità del ministro dell’Interno. Il “modello Milano” sta diventando un laboratorio per il decreto Minniti?
«Ho espresso più di una volta la mia perplessità su disposizioni che legano la sicurezza al decoro urbano. Più che altro non vorrei che quella di martedì sia la sperimentazione di un nuovo modello di gestione della sicurezza. Ma sono certo che non sarà così».

Come si possono conciliare le due anime della sinistra, quella più securitaria e quella per l’accoglienza?
«Seguendo il programma che ci siamo dati»

 

 

Intervista tratta dal Repubblica di Milano del 5 maggio a firma di Federica Venni

Ti potrebbero interessare