ECCO CHE LA CITTA’ PERDE LA SUA RAGION D’ESSERE

ECCO CHE LA CITTA’ PERDE LA SUA RAGION D’ESSERE

Ricordando Salzano e pensando al futuro delle città “se si lascia fare al solo mercato immobiliare o, tutt’al più, a una contrattazione in cui il contraente pubblico si piega ai voleri di quello privato, ecco che la città perde la propria ragion d’essere, perde qualità e danneggia la civitas. È compito dell’urbanistica disegnare l’assetto di una città considerando i bisogni e le aspirazioni di chi la vive. L’urbanistica è una scienza eminentemente sociale, non un freddo manuale di norme.”

Anna Melone

Il ricordo del teorica della città “bene comune” pubblicato su Repubblica lo trovate qua

Ti potrebbero interessare