Filastrocche antirazziste per la Befana

Filastrocche antirazziste per la Befana

Ieri sera la pagina facebook dell’assessore leghista di Monfalcone, che ha pubblicato la famigerata filastrocca razzista contro i migranti, ribolliva di indignazione.
Anche questa é resistenza dell’Italia che non ha nessuna intenzione di arrendersi, e che sta reagendo con sempre più determinazione (e anche ironia, indispensabile) alla deriva barbarica dei valori di umanità causata dalla Lega e dai suoi complici.
Com’e’ avvenuto a Lodi per il caso mense e come avviene ora con la rivolta e il ricorso alla Consulta dei sindaci e degli amministratori contro il decreto Insicurezza.
Per festeggiare la Befana vi propongo qui quattro piccole filastrocche, scritte per l’occasione.
E’ il caso anche di rispondere ‘per le rime’.

Il leghista vien di giorno
Non si guarda neanche intorno
Imparò da Berlusconi
A rubarseli i milioni
Alla massa di ignoranti
Dirà “è colpa dei migranti”
Ma il bottino afferra lesto
lo nasconde presto presto
Tanto un grillo troverà
Che ministro lo farà

Yvonne Sassano

Il leghista vien di notte
E i milioni se li fotte
Spera assai nelle eruzioni
Ma solo dopo le elezioni
Intanto butta la coperta
Poi a messa ci va in fretta
Toglie il cibo anche ai bambini
E fa i selfie agli arancini

Mark Anthony Sina

L’assessore vien di notte
Dei migranti se ne fotte
Va e gli frega le coperte
Poi sul web ci si diverte
L’assessore e’ un nordista
Dell’Italia se ne infischia
Conta sol la sua poltrona
E cantar “Roma ladrona”

Mario Maglione Piromallo

Il leghista vien di notte
Pancia piena e se ne fotte
Quando incontra un senzatetto
Getta via anche il suo ‘letto’
Quando incontra un uomo nero
Lo vorrebbe prigioniero
Maggiordomo a Berlusconi
Ci deruba dei milioni

Carlo Silva

Ti potrebbero interessare