GLI OCCHI SONO I NOSTRI

GLI OCCHI SONO I NOSTRI
Una strage nel Mediterraneo: a bordo del gommone c’erano circa 130 persone. Ora in acqua ci sono solo cadaveri.
Una strage annunciata: i naufraghi a bordo avevano chiesto aiuto ad AlarmPhone, che ha immediatamente allertato le autorità libiche ed europee, ma nessuno ha lanciato una missione di soccorso.
Ocean Viking e tre mercantili hanno pattugliato l’area, disperatamente, in cerca del gommone con cui ormai si erano persi i contatti: purtroppo, quello che resta sull’acqua sono solo i corpi delle vittime.
Non è stata una “disgrazia”. Non è stata una “tragica fatalità”. È stata una strage annunciata, l’ennesima. Uccisi dai ritardi nei soccorsi, dall’indifferenza, dalla politica dei muri e dei respingimenti.
Fino a quando il Mediterraneo sarà la tomba degli esseri umani, delle leggi e dei diritti? Basta, basta, basta.
La foto è di Flavio Gasperini/SOS Méditerranée
Gli occhi sono i nostri

Ti potrebbero interessare