IL COMUNE CHIEDE DI PROSEGUIRE L’ACCOGLIENZA SPRAR

IL COMUNE CHIEDE DI PROSEGUIRE L’ACCOGLIENZA SPRAR

Il Comune di Milano, attraverso una delibera, ha approvato la manifestazione di interesse a proseguire l’accoglienza all’interno del sistema Sprar, oggi denominato Siproimi (sistema di protezione per titolari di protezione internazionale e per minori stranieri non accompagnati), dopo l’entrata in vigore del decreto sicurezza. L’Amministrazione ha ritirato contestualmente la domanda per estendere tale servizio, che oggi ospita 422 persone, fino a mille posti, scelta obbligata vista l’incertezza normativa di questa fase.
“Il sistema milanese di accoglienza dei richiedenti asilo e rifugiati, che negli anni ha dimostrato di poter essere un modello virtuoso per tutto il Paese, – spiega l’assessore alle Politiche sociali Pierfrancesco Majorino– viene messo in difficoltà per il silenzio colpevole del Ministero dell’Interno che, dopo aver approvato un decreto sicurezza che di fatto cancellava lo Sprar, ha omesso di definire le nuove regole, abbandonando gli enti locali in un limbo di incertezze e costringendoli a non chiudere i grandi centri dove si rischia di fare male integrazione. Il ministro Salvini vuole i migranti col cappellino in giro per la città a fare l’elemosina. Il suo è un disegno politico chiaro e lucido: meno integrazione produce maggiore sensazione di insicurezza. Un disegno politico dannosissimo”.
Il 26 settembre 2018 l’Amministrazione ha inoltrato al Ministero dell’Interno la domanda per ampliare l’accoglienza di secondo livello, passando da 422 a mille posti nel sistema Sprar, a scapito di quella di primo livello garantita nei Cas (centri di accoglienza straordinaria) comunali. L’obiettivo era quello di puntare su un’accoglienza di qualità che individuasse nelle attività finalizzate all’integrazione (corsi di italiano o di avviamento al lavoro, ad esempio) il punto focale del progetto. A quella domanda non è seguita nessuna comunicazione. Il 4 ottobre 2018 è stato invece approvato il cosiddetto decreto sicurezza che ha cambiato le regole in materia di immigrazione e accoglienza, precludendo, tra le altre cose, l’accesso al sistema Sprar ai richiedenti asilo regolarmente presenti sul territorio.
“Il Ministero dell’Interno – prosegue l’assessore Majorino – rimanda da ottobre la definizione delle regole che definiscono il neonato sistema Siproimi, insiste sull’apertura dei grandi centri dove è impossibile realizzare attività che favoriscano l’integrazione e costringe le amministrazioni locali a escludere i richiedenti asilo che non possono più essere ospitati nonostante abbiano un regolare permesso di soggiorno, scaricando sui comuni la responsabilità di gestire la sicurezza con centinaia di senzatetto in più per le strade. È una posizione sconcertante che sta mettendo a dura prova il sistema milanese che finora ha retto molto bene, anche durante l’emergenza sbarchi. La delibera approvata dalla Giunta si adegua a una richiesta ministeriale, ma l’Amministrazione si riserva di valutare l’adesione ai nuovi progetti di accoglienza Siproimi quando il Ministro Salvini si degnerà di comunicarci le regole di ingaggio perché non siamo disposti a prestare il fianco a chi vuole un’integrazione di serie B”.

Ti potrebbero interessare