L’aria di Milano continua a essere irrespirabile

L’aria di Milano continua a essere irrespirabile

Non so se e di quanto oggi siano superati i livelli di PM10, né a quanto sia arrivato il conteggio dei giorni consecutivi di sforamento. Quello che so è che, stamattina, l’aria di Milano è irrespirabile e le strade sono intasate dal traffico.

Nel corso del Consiglio Comunale dello scorso 23 ottobre, Anita Pirovano ha chiesto al Sindaco di Milano di bloccare il traffico delle auto private in occasione del 1 novembre.

Il 1 novembre è domani, ma di ipotesi di blocco del traffico non c’è traccia, né per fermare le emissioni né per offrire ai milanesi un modo diverso di vivere la propria città.

Ora, poco importa che il 1 novembre sia domani, non è una questione di data, ma di salute e di attenzione alla qualità della vita: rinnoviamo allora la richiesta al Sindaco Beppe Sala di fermare le auto a Milano, a partire da domani e poi sabato e domenica; e poi a ragionare insieme alla città su giorni e modi per vivere diversamente la città . Perché, questa volta, l’urgenza non è nemica della lentezza: anche noi piace l’idea di una città più lenta, e una città più lenta è, prima di tutto, una città con meno auto. #RespiroMeglioSe la città non è pensata per le le sole autobomibili. Da subito.

Elena Comelli

Ti potrebbero interessare