LE CINQUE GIORNATE DI MILANO e LA RESPONSABILITA’ DEL SINDACO

LE CINQUE GIORNATE DI MILANO e LA RESPONSABILITA’ DEL SINDACO
Milano chiude la campagna elettorale mentre 400 giovani da tutto il mondo #Youth4Climate cercano di farsi ascoltare oltre il “bla bla bla” dei decisori (istituzionali ed economici). Fuori molti giovani in più stanno arrivando e scenderanno in piazza venerdì per lo sciopero studentesco con Greta Thunberg per dire “We want Climate Justice! We want it now!”. E poi replicheranno sabato per coinvolgere tutte e tutti noi. Cosa pensano della politica lo hanno già detto. Deve cambiare priorità. Non c’è mezzo bicchiere e nemmeno ci sono mezze misure, compromessi, transizioni, tira e molla. Il sindaco Beppe Sala continua a dire che hanno ragione e che sono fonte di ispirazione. Se non vuole finire definitivamente nel “bla bla bla” ha davanti, da martedì prossimo, una chance. Quella di essere un adulto responsabile e ribaltare le priorità con cui è stato abituato a ragionare da manager. E a introdurre in ogni ragionamento economico, d’investimento, di partnership, di progettazione, prima, il fattore A. Poi vengono B, C, D, fino a K e oltre. Lo dobbiamo al futuro.

Ti potrebbero interessare