LEZIONE GRECA

LEZIONE GRECA

Passa quasi inosservata la lezione di democrazia che l’intera Europa ha ricevuto dalla Grecia. Sì la Grecia, la stessa nazione che dieci anni fa circa è entrata in dissesto economico, la stessa nazione che non si piazza bene ne’ per indice di percezione della democrazia ne’ per indice di percezione della corruzione. Eppure ieri una storica sentenza ha segnato un solco nella storia del Paese e dell’Europa intera. Una lezione di civiltà tenuta dalla Corte d’Appello di Atene contro Alba Dorada che ha permesso di mettere al bando e condannare per estremismo un partito che pochissimi anni fa si era piazzato al terzo posto nella nazione ellenica. Le motivazioni che balzano all’occhio sono quelle del nazionalismo-anti immigrazione, razzismo, persecuzione delle minoranze,negazionismo. Un partito che ha avuto rappresentanti collocati trasversalmente nelle istituzioni, dal parlamento ai consigli provinciali e comunali. Quanto potrà essere significante questa sentenza lo si scoprirà negli anni a venire, intanto nazioni come Austria, Germania, Francia, Danimarca, Finlandia, Olanda, Ungheria, Svezia (e ne dimentico sicuramente qualcuna) potrebbero cogliere la palla al balzo e discutere al proprio interno di questa sentenza pilota. L’Italia, resterà alla finestra a guardare o deciderà di agire prendendo una posizione?
Michele Bisaccia 
Nell’immagine la folla davanti al palazzo di giustizia di Atene in attesa della sentenza

Ti potrebbero interessare