Luoghi di culto per l’integrazione e la cultura

Luoghi di culto per l’integrazione e la cultura

Oggi sui quotidiani i candidati alle regionali della Lombardia parlano di moschee e della a Legge regionale che non permette di fatto, nemmeno a Milano, l’apertura di luoghi di culto, anche islamici, legali, dignitosi, con sermoni in italiano e con finanziamenti trasparenti.

Aprire le moschee, renderle luoghi di integrazione e di scambio culturale, è una priorità di questi tempi, prima di tutto per rispettare la costituzione e la dignità di tanti cittadini italiani, poi, in secondo luogo, per evitare ghettizzazione e illegalità obbligata, cosa che, in tutta evidenza, non porta nulla di buono.

Proprio la legge regionale ha frenato la possibilità di rispettare questa dignità dovuta a tutti (ricorderei che sono migliaia i cittadini italiani di fede musulmana), per questo va cambiata. Prima della repressione viene sempre la possibilità di essere trasparenti, legali e integrati.

Ti potrebbero interessare