Maturità senza storia, ripensateci

Maturità senza storia, ripensateci

“Un esame di maturità senza la storia mi fa paura. Per questo chiederò al ministro Bussetti di ripensarci”. A Liliana Segre proprio non va giù. Da quattro mesi dà battaglia per sapere come sia stato possibile che il Miur abbia soppresso la traccia storica dalla prima prova scritta della maturità. “Da trent’anni rendo testimonianza sulla Shoah nelle scuole, e vedo la fatica che talvolta fanno i professori per contestualizzare il mio racconto. Può capitare che nell’ultima classe delle superiori non si arrivi a svolgere l’intero programma e ci si fermi alla Grande Guerra. Invece sarebbe utile studiare i totalitarismi, i genocidi e la complessità di tutto il Secolo Breve”. Grazie a Liliana Segre, Grazie a ANPI Provinciale di Milano per la segnalazione. Non rinunciare mai a ragionare, ascoltare, capire.

Ti potrebbero interessare