Progetto Agorà

Progetto Agorà

Molto volentieri oggi discuterò i progetti che gli studenti del Laboratorio di Progettazione Architettonica della Scuola AUIC (coordinato da Andrea Di Franco, Elena Maranghi e Michele Moreno) hanno sviluppato per il carcere di Bollate insieme al Gruppo della Trasgressione, il nuovo carteBollate e agli operatori dell’istituto.
Vado ancora più volentieri dopo aver sentito per l’ennesima volta deputati e ministri parlare di carcere come di un posto di cui “buttar via le chiavi”, in sfregio a qualunque decenza civile. Ben vengano quindi tutte le occasioni – soprattutto coi più giovani – per coltivare il pensiero che il carcere debba essere un luogo dignitoso (anche a partire dalla qualità degli spazi di vita) in cui chi ha sbagliato sia recluso con senso di umanità e dove possa avviare percorsi di riabilitazione (che come è noto riducono le recidive).

Antonella Bruzzese

Ti potrebbero interessare