Regione, nel nome di padre e madre

Regione, nel nome di padre e madre

Segnaliamo dalla Regione.
Rimandata in commissione una mozione che, seguendo #Salvini, chiede di ripristinare nella modulistica regionale i termini ‘padre’ e ‘madre’anziché #genitore1 & #genitore2
Una richiesta che è propaganda oscurantista, nelle premesse e nella richiesta.
Anziché preoccuparsi di condannare una #teoriaGender che non esiste, i colleghi della lega dovrebbero riconoscere che promuovere l’ #educazionesessuale e favorire una cultura delle differenze e del #rispetto di tutte le dimensioni relazionali, sfera sessuale compresa, è fondamentale per osteggiare sul nascere le discriminazioni.
Discriminazioni che ritornerebbero con la cancellazione dei termini genitore 1 e 2, definizione inclusiva che riconosce pari dignità a tutte le famiglie. Dando ragione a questa richiesta torneremmo indietro di anni vanificando conquiste di civiltà , senza riconoscere che la realtà va in altra direzione.

Paola Bocci

Ti potrebbero interessare