Solidarietà a Ri-Make

Solidarietà a Ri-Make

Una bomba carta contro lo spazio recuperato e autogestito Ri-Make ad Affori.

Un botto, vetri rotti e tanta paura, per fortuna nessuno si è fatto male.

Oltre alla nostra solidarietà, ecco quello che è successo dopo

“Cosa avete fatto dopo che è scoppiata la bomba carta a Ri-Make? Avete sospeso le attività?” Ci hanno chiesto questa mattina in un’intervista a Radio Popolare.

Al contrario, abbiamo accelerato: a poche ore dallo scoppio ci siamo rimboccati le maniche e abbiamo riparato i danni subiti, ripulito lo spazio dalle schegge di vetro, aggiustato le finestre e ci siamo presi cura di noi e dello spavento vissuto.
Poi abbiamo attaccato il nostro comunicato in giro per tutto il quartiere e dedicato tutte le energie alla riuscita della nostra consueta domenica aperta, ieri più bella che mai.

Queste/i siamo noi ieri e questa è la risposta più concreta a quanto successo: andiamo avanti a recuperare Ri-Make, a far vivere le nostre attività di mutualismo e solidarietà, insieme a tutte le persone che attraversandole, le riempiono di significato e lottano con noi.”

Ti potrebbero interessare