UN MILIONE PER RASSEGNE E SPETTACOLI

UN MILIONE PER RASSEGNE E SPETTACOLI

CULTURA, MILANO RAFFORZA LA SUA OFFERTA CON FONDI PER LE RASSEGNE E SPETTACOLI
Oltre un milione per far crescere gli spettacoli. Fra le rassegne premiate il FILMMAKER FESTIVAL, Da vicino nessuno è normale L’articolo di Simona Ballatore
————————–
«La cultura è un fattore strategico per lo sviluppo economico e sociale del territorio» e infatti «Milano si è posizionata sul piano internazionale per la sua crescente attrattività grazie a una straordinaria offerta culturale e ricreativa, si sono moltiplicati gli eventi, gli spettacoli dal vivo, la presentazione di palinsesti integrati»: prende il via da queste premesse la concessione di contributi per i progetti nell’area spettacolo del 2019. «Rafforzare il percorso e produrre una cultura diffusa» è l’obiettivo di Palazzo Marino che punta 1.200.000 euro sul «sistema milanese che, in autonomia, realizza iniziative artistiche di eccellenza». Una commissione composta da sei esperti esterni Giovanni Sibilla, Sara Chiappori, Paola Piacenza, Michele Coralli, Maria Luisa Buzzi e Gabriele Acerbo è stata chiamata a vagliare le innumerevoli proposte culturali che hanno partecipato all’ultimo avviso pubblico, presentando le loro kermesse. I lavori, iniziati il primo di luglio, sono stati articolati in tre sottocommissioni: cinema, musica, teatro e danza. E arriva il primo verdetto. Che oltre a rendere pubblico il punteggio ottenuto dagli autori delle rassegne e il contributo che verrà assegnato a ciascuno, rende la ricchezza e le sfumature del cartellone milanese. Fra le rassegne e i festival cinematografici audiovisivi e multimediali ha conquistato più punti (36 su 40) il FILMMAKER FESTIVALal; seguito dal 29esimo Festival del Cinema Africano, d’Asia e America Latina e dal Milano Film Festival(35). I contributi ovviamente variano in base ai costi sostenuti dagli organizzatori e alla cifra richiesta, non solo in base al punteggio ottenuto; le somme previste consentono di sostenere i progetti che hanno ottenuto un punteggio compreso fra 36 e 22. Il finanziamento più alto, in questo caso, va al Milano Film Festival: 87.500 euro. Fra i premiati, Agenda Brasil, alla sua ottava edizione, Sport Movies & Tv e Festival Mix Milano che hanno già superato trenta stagioni, Le vie del Cinema, il Cinema di Ringhiera che prende vita nei cortili di Milano. E, ancora, Longtake Interactive Film Festival, I Boreali Nordic Festival, Fuoricinema-Fuorisere, Visioni d’arte, Festival Video Sound Art, Sguardi Altrove Film Festival e il quinto festival internazionale del documentario “Visioni dal mondo, immagini dalla realtà”.
Fra le manifestazioni performative o multidisciplinari, sono ben 49 i beneficiari in lista. Il punteggio più alto 36 è stato ottenuto dall’associazione Olinda con Da vicino nessuno è normale e dal 28esimo Festival Milano Musica Luca Francesconi “Velocità del tempo”, incentrato sulla personalità artistica del noto compositore milanese. Anche in questo ambito spicca la varietà della proposta: si va dal jazz al teatro diffuso, dal cabaret al circo contemporaneo a Milano, dalla classica all’elettronica. Oltre alle rassegne storiche come La Milanesiana ci sono in lista i progetti realizzati da nuove realtà: Somewhere in the park, Brahms a Milano, NoLo Fringe Festival, “Tango & Cultura a 10 anni dal riconoscimento del Tango patrimonio dell’Unesco, “La musica dei cieli” e nell’anno a lui dedicato “Leonardo Chi?!”

Ti potrebbero interessare