UNA PROPOSTA, LA GRANDE DISTRIBUZIONE REDISTRIBUISCA AI SUOI LAVORATORI

UNA PROPOSTA, LA GRANDE DISTRIBUZIONE REDISTRIBUISCA AI SUOI LAVORATORI

Atteso che la grande distribuzione sta avendo un incredibile boom di ricavi ed atteso che come evidente le lavoratrici e i lavoratori della grande distribuzione (che continuano ad essere pagati come sappiamo) si stanno esponendo al rischio assicurando un servizio assolutamente essenziale mi pare che l’errore stia nel considerare l’organizzazione aziendale come un’invariante. Non può esserlo. Considerata la situazione di emergenza e considerati i ricavi ed extra-profitti che stanno realizzando forse lo stato dovrebbe chiedergli di assumere, di ridurre l’orario individuale, di assicurare la sicurezza dei lavoratori (equipaggiamento, minore affollamento) e così facendo assicurare l’apertura degli esercizi e il rafforzamento delle consegne. Non è che qui l’unica cosa che non può cambiare è l’organizzazione aziendale: stanno facendo e faranno i miliardi in virtù di questa crisi, riorganizzino il servizio.

Ti potrebbero interessare